2i Rete Gas | 2i Rete Gas per i clienti finali | Impianti “nuovi” parzialmente o interamente preesistenti e impianti modificati o trasformati

Impianti “nuovi” parzialmente o interamente preesistenti e impianti modificati o trasformati

Nel caso di impianto realizzato in più fasi e da più di un installatore, o di impianto modificato/trasformato, ai fini dell’accertamento documentale occorre che l’installatore effettivamente incaricato della messa in servizio dell’impianto, dopo aver verificato le parti preesistenti e concluso le eventuali proprie realizzazioni, produca tutta la documentazione necessaria alla conduzione dell’accertamento (Allegato I/40 e relativi allegati tecnici obbligatori).

Se per le preesistenti parti di impianto sono disponibili le dichiarazioni di conformità parziali (limitate cioè alle parti ed alle operazioni effettivamente realizzate da ciascun installatore precedentemente intervenuto) provviste dei relativi allegati tecnici obbligatori, l’installatore incaricato della messa in servizio dell’impianto deve integrare con tali documenti l’Allegato I/40 ed i restanti documenti tecnici da egli stesso prodotti in funzione del proprio operato.

Qualora, invece, risultassero indisponibili le pregresse dichiarazioni di conformità parziali (limitate cioè alle parti ed alle operazioni effettivamente realizzate da ciascun installatore precedentemente intervenuto) provviste dei relativi allegati tecnici obbligatori, per le parti di impianto preesistenti l’installatore incaricato della messa in servizio dell’impianto deve effettuare le prove e le verifiche di compatibilità della parte di impianto preesistente ed attestarne i risultati.

Per queste situazioni, a partire dalla data di entrata in vigore della deliberazione AEEGSI 40/2014/R/gas e smi l’attestazione di compatibilità per le parti di impianto preesistenti è resa esclusivamente mediante formalizzazione del Rapporto Tecnico di compatibilità per le parti di impianto preesistenti, come previsto all’art. 2.2 – lettera d) dello stesso provvedimento.

In coerenza alle disposizioni emanate dall’AEEG nell’assunto deliberativo del richiamato provvedimento 40/2014/R/gas, il Rapporto Tecnico di compatibilità per le parti di impianto preesistenti deve essere redatto sulla base del documento predisposto dal Comitato Italiano Gas ed accluso alle Linee Guida n. 11 – edizione 2014..

 

Top